Pavimenti

INTARSIATO

 

I pavimenti bicolori intarsiati sono stati rinvenuti principalmente nelle regioni della Champagne e della Bourgogne in Francia. Erano impiegati dal secolo XII al XVI in Chiese, Monasteri, Castelli e in generale in edifici di prestigio.

Molti sono i disegni che consentono di ottenere svariate composizioni.

 

Le mattonelle normalmente venivao assemblate singolarmente o in gruppi di 4 o 16 ed avevano simbologie e figure che nel medioevo evocavano la fede. la vita, la natura e nei secoli successivi motivi floreali e ornamentali.

Sono stati catalogati da vari musei francesi centinaia di disegni. Le normali dimensioni erano da 10 a 13 cm di lato con spessore di circa 2 cm.

Il metodo di produzione prevede la creazione della traccia profonda con uno stampo del disegno sulla mattonella di argilla ancora plastica.

Successivamente la traccia viene riempita con “barbottina” di colore contrastante. Dopo l’essicazione il pezzo viene levigato per evidenziare il disegno e quindi cotto in forno.

gallery

  Sezione di una mattonella (in evidenza lo spessore dell’intarsio)
  Pavimento intarsiato con cornice a torciglione Secolo XVI Reims (Francia)
  Motivo con grappoli d’uva e tralci XV secolo - Reims (Francia)
  Motivo floreale XV secolo - Reims (Francia)
  Composizione con varie figure Metà del XIII secolo - Reims (Francia)